glossario

_glossario_

LE PAROLE PER DIRLO

cosa significa cosa

A

Abbondanza

Margine di sicurezza che viene lasciato oltre la misura desiderata per permettere il rifilo del foglio macchina nel caso si necessitasse di fogli stampati al vivo. Nel caso di lavori con immagini o fondi che arrivano fino al margine del formato del lavoro, si espande l'immagine e/o il fondo di 3 mm (misura standard) per ogni lato. Durante la fase di taglio in misura, questa abbondanza di fondo colorato o immagine servirà per conservare uniformità di colore e/o di immagine a piena pagina, compensando la tolleranza del dispositivo di taglio. Questa operazione non serve nel caso in cui le immagini e/o i fondi siano all'interno del formato del lavoro.


Autocopertinato

Si intende che la copertina ha la stessa grammatura e la stessa tipologia del blocco interno di pagine.


B

Bianca e volta

Indica la stampa su entrambe le facciate di un foglio da stampare.


Brossura fresata con colla poliuretanica

Detta anche più comunemente brossura PUR, indica la rilegatura per cui le segnature vengono incollate alla copertina tramite colla poliuretanica. La penetrazione della colla viene facilitata tramite la fresatura del dorso, in modo da rendere il prodotto molto resistente e aderire meglio alla copertina. Le pagine per la rilegatura in brossura PUR sono sempre a multipli di due.


Brossura cucita a filo refe

La brossura a filo refe consiste nel cucire le segnature tra di loro e successivamente incollarle alla copertina o ai risguardi . Ha il vantaggio di permettere un'ampia apertura del libro, oltre alla resistenza. Le pagine per la rilegatura a filo refe devono sempre essere multipli di quattro.


C

Caduta macchina o imposizione di stampa

Anche detta imposizione tipografica, è il processo di disposizione dei singoli fogli stampati su un unico foglio macchina. È un’operazione di particolare importanza poiché permette di ottimizzare l’uso della carta limitando costi e consumi. Questa operazione viene solitamente eseguita dallo stampatore.


Cliché

Lastra di metallo (magnesio o ottone) incisa come matrice per la riproduzione stampata di lettere o figure. Viene utilizzata ai giorni nostri per la stampa a secco in rilievo e per l’applicazione di foiler colorati o metallici a caldo.


Colophon

Breve testo, normalmente posto sull’ultima pagina dei un libro, che raccoglie i dati della produzione e note tipografiche. Inizia frequentemente con le parole “finito di stampare…”


Copertina cartonata

Si intende una copertina con cartoncino vegetale con spessore 2/3 mm. rivestita da un foglio stampato o da una carta da rivestimento per dare più consistenza ed importanza al volume.


Copertina rigida

Si intende una copertina con grammatura della carta più elevata rispetto al blocco interno.


Cordonatura

Piccolo incavo che viene praticato su un foglio meccanicamente per agevolarne la piegatura. Viene utilizzata su fogli di grammatura pari o superiore a 200 g.


D

Debossing

Tipo di stampa decorativa ottenuta per mezzo dell'impressione di una matrice, su un solo lato del foglio, che spingendo sul materiale crea un effetto di bassorilievo.


E

Embossing (goffratura)

Tipo di stampa decorativa a rilievo ottenuta per mezzo dell'impressione di due matrici, una rialzata e una incassata, applicate sulla bianca e sulla volta del foglio, creando un effetto tridimensionale.


Esacromia / Indicrome®

Tecnologia di stampa a sei colori. È l'insieme dei colori di quadricromia (CMYK) con l'aggiunta dei arancione e verde (CMYKOG) con la funzione di aumentare il gamut dei dispositivi di stampa, oppure il ciano chiaro e il magenta chiaro (CcMmYK), in questo caso viene utilizzato per aumentare le sfumature nella stampa fotografica.


Ettacromia / Indicrome Plus®

Tecnologia di stampa a sette colori. Ai colori di esacromia aggiunge il viola, con la funzione di aumentare il gamut visivo del dispositivo di stampa, o il light black, per dare maggiore prodondità nella stampa fotografica.


F

Facciata

cfr. Pagina


Filo Singer

Si tratta della classica cucitura a macchina tessile, è un tipo di lavorazione artigianale. Il filo può passare sul dorso o in alternativa sulla costa del blocco libro e si può scegliere tra una vastissima gamma di colori. È un tipo di rilegatura consigliata per dare un tocco elegante e ricercato.


F

Foglio macchina

È il foglio nella dimensione massima utilizzata dalla stampante, dove viene inserita l’imposizione di stampa (caduta macchina) che comprendendo diverse pagine in un unico foglio permette di poter ottimizzare lo spazio e di conseguenza il consumo di carta. Il foglio viene poi rifilato in taglierina seguendo le indicazioni dei crocini di taglio, in modo da avere fogli stampati al vivo. Per i prodotti editoriali viene poi piegato dipendentemente dal numero di pagine che compongono il foglio macchina per poi essere rifilato, tipicamente la disposizione è a ottavi, sedicesimi e trentaduesimi.


Font

È un insieme di caratteri tipografici accumunati da uno stesso stile. Il nome deriva dal francese “fonte” che indica qualcosa che è stato fuso, riferendosi alla produzione per la stampa dei caratteri mobili. Nella tipografia tradizionale la font indicava la valigetta all’interno della quale venivano conservate le famiglie di caratteri, nelle varie dimensioni.


P

Pagina

Ciascuna delle due superfici di un foglio di carta. Sinonimo di facciata.


Punto metallico (o punto sella)

Utilizzato per opuscoli, fanzine, magazine di foliatura ridotta con costi economici. È una delle rilegature più utilizzate e consiste nella pinzatura con filo metallico dei fogli sul dorso. Per un tocco più originale è possibile utilizzare un filo metallico colorato, da coordinare con i colori della stampa e della carta.


Q

Quadricromia (CMYN)

Modello di colore a sintesi sottrattiva sul quale si basa la stampa tipografica, offset o digitale. Miscela insieme i colori cyan (C), magenta (M), giallo (Y), nero (K), e riproduce quasi il 70% dei colori visibili ad occhio nudo. La miscelazione avviene stampando moltissimi puntini di questi colori, in percentuali di copertura variabile, in modo da comporre i colori che vediamo stampati.


R

RGB

Modello di colore a sintesi additiva, sul quale si basano i colori della fotografia e delli schermi luminosi. E formato dalla miscelazione di rosso (R), verde (G), blu (B), la somma dei tre colori costituisce il bianco, la loro assenza il nero. Riproduce un numero maggiore di colori rispetto alla quadricromia, per questo non tutti i colori visibili a schermo sono stampabili con tecniche tradizionali.


Rilegatura a sella

Rilegatura che percorre la piega di una segnatura a quartino. Utilizzata per rilegatura e punto metalicco o filo Singer.


Risguardi

Sono 2 fogli di carta piegati a quartino che vengono applicati al blocco interno per successiva incollatura alla copertina possono essere stampati o semplicemente con carta bianca o colorata, solitamente si utilizzanp per i volumi cartonati o volumi con dorso mobile, non incollato.


S

Segnatura

È la sequenza ordinata di pagine che compongono un libro, derivate dalla piegatura di un foglio macchina. Viene determinata in base all’imposizione, o caduta macchina, a seconda delle dimensioni e necessità di legatura. In base al numero di pieghe e pagine derivate prende nomi diversi (quartino, ottavo, sedicesimo, trentaduesimo...). La definizione delle segnature compete allo stampatore in base alle caratteristiche tecniche delle macchine.


Segni di taglio

Sono i segni che servono per delimitare l’area di taglio sul foglio macchina. Sono distanziati circa 3 mm dalla grafica in modo da rimanerne esclusi in fase di taglio.


Stampa a caldo

Tipo di stampa diretta a bobina, utilizzata per fini decorativi, che a temperature comprese tra 90 e 150 gradi permette il trasferimento sulla carta del materiale termotrasferibile, sotto l'impressione di una matrice.


Stampa al vivo

Si parla di stampa al vivo quando la stampa arriva fino ai bordi del foglio. Per progettare una stampa al vivo è necessario tenere conto delle abbondanze.


T

Tinta piatta / Pantone®

La tinta piatta è un inchiostro speciale premiscelato che può essere utilizzato da solo (per esempio per il colore di un logo) o insieme ai colori di quadricromia per aumentare il gamut visivo dei colori di stampa. Sui software di grafica si può indicare una simulazione del colore associato, la scala internazionale di riferimento per la definizione delle tinte piatte si chiama Pantone®


V

Vernice spessorata UV

Si intende un passaggio di vernice lucida trasparente di un certo spessore per sottolineare l' importanza di un logo o un'immagine, si otterrà un effetto tridimensionale molto efficace.